Cone beam diagnostica digitale 2D e 3D

Cone Beam Radiologia digitale 2D e 3D da dentisti associati Confalone Roma
Cone Beam Radiologia digitale 2D e 3D

Lo studio dentale dei Dentisti Associati Confalone è lieto di presentare ai propri pazienti la nuova tecnologia CBCT CONE BEAM 3D  NewTOM Giano.

L’evoluzione della tecnologia digitale applicata alla radiologia dentale ci permette adesso di disporre di una diagnostica radiologica nella formula tridimensionale da Noi utilizzata come supporto per gli studi volumetrici dei mascellari al fine di pianificare in sicurezza interventi di implantologia e chirurgia computer guidata.

Ulteriore step: Radiologia digitale Cone beam 3D

La tac tradizionale superata dalla tecnologia dentascan

 

Queste analisi più approfondite radiologiche fruibili sempre nella nostra sede ci permettono di ricostruire tridimensionalmente con precisione l’anatomia profonda del paziente.

ConeBeam 3D vs. TAC

Grazie  alla Tecnologia Cone Beam di ultima generazione otteniamo informazioni paragonabili alla TAC / Dentascan ma con dosi di esposizione notevolmente inferiori.
La TAC convenzionale utilizza infatti un fascioCone beam diagnostica 3D utilizzata dai dentisti Confalone ristretto a ventaglio che ruota attorno alla testa del paziente, acquisendo sottili sezioni assiali per ogni rotazione. Quindi, per visualizzare una sezione anatomica, si devono completare molte rotazioni (con uno o più sensori dedicati).
A causa di queste ripetute acquisizioni, le TAC convenzionali hanno una dose di raggi X elevata e possono, talvolta, dare informazioni non sempre accurate. Un software dedicato (DentascanTM) poi dovrà colmare le immagini troppo generiche e calcolare i dati mancanti.
L’imaging CB3D utilizza invece un fascio a forma conica per acquisire l’intero volume, effettuando un’unica rotazione.Il risultato sarà un’immagine più accurata, che contiene una serie completa di informazioni ed è ottenuta con un tempo di esposizione ai raggi-X considerevolmente inferiore rispetto ad una TAC convenzionale.

comparazione dosi raggi x tra TAC e dentascan

L’American Academy of Oral and Maxillofacial Radiology (AAOMR) prescrive l’utilizzo di imaging CB3D nel caso di indagini per l’implantologia, la parodontologia e i pazienti di chirurgia maxillofacciale. Un esame effettuato con l’apparecchiatura di ultima generazione acquisisce un dataset dentomaxillofacciale completo in un singolo database, costituito da immagini digitalizzate.