Implantologia

L’implantologia dentale è quella branca dell’odontoiatria che riguarda la sostituzione dei denti mancanti con  radici sintetiche in titanio (impianti) ancorate nell’osso che possono sostenere denti singoli, gruppi di denti o funzionare anche come supporto per una protesi totale (volgarmente detta dentiera).

Impianti dentali - Dentisti Associati Confalone Roma

Il fattore chiave per la riuscita di qualunque impianto è la sua ottimale integrazione all’interno dell’osso. Questo processo si chiama OSTEOINTEGRAZIONE e richiede alcuni mesi perchè esso si porti a compimento. IL termine osteointegrazione venne coniato negli anni 60 per definire l’intima interconnessione tra osso e impianto. Tale incorporazione è possibile grazie alle proprietà biocompatibili del Titanio che è un metallo che non da reazioni ne di rigetto ne da corpo estraneo, una volta che si trova all’interno di tessuti biologici.

Percentuale di riuscita del 95%
Le percentuali di riuscita di una terapia implantare sono molto alte pari al 95% dei casi, tuttavia in una percentuale del 5% può, per motivi non meglio precisati, non verificarsi l’osteointegrazione e aversi quindi un insuccesso della terapia implantare.
E’ comunque possibile ritentare la strada implantologica con viti implantari di diverso diametro e altezza che diano maggior superficie di interfacciamento tra titanio e osso.

L’impianto è costituito da una vite in titanio che viene inserita nella compagine delle ossa mandibolari o mascellari. Esso assolve alla funzione di radice artificiale su cui poi viene connesso un dispositivo protesico che può espletare la funzione masticatoria di uno o più denti.

implantologia componenti

In base al diverso contesto clinico  si possono inserire uno o più pilastri implantari che possono sostenere singoli denti, travate di ponti e protesi totali a sostegno implantare per i pazienti completamente edentuli.

images